Coronavirus: sintomi, cura, precauzioni. Tutto quello che serve sapere nelle linee guida del Ministero della salute

HuffPost

Cosa sappiamo del coronavirus? In questi giorni non si parla di altro e tra psicosi e disinformazione, può essere difficile districarsi alla ricerca di notizie corrette. Per questo, il Ministero della salute ha raccolto sul suo sito le più frequenti domande sul tema, rispondendo punto per punto: di cosa si tratta, quali i sintomi, quale le accortezze, quale la cura

Innanzitutto, cos’è un coronavirus? Si tratta di una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi. Un nuovo coronavirus (in questo caso il 2019-nCoV) è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo.

Come si trasmette? Il nuovo coronavirus, come tutti quelli umani, si trasmette da una persona infetta a un’altra attraverso la saliva; tossendo e starnutendo; con contatti diretti personali (come toccare o stringere la mano e portarla alle mucose); toccando prima un oggetto o una superficie contaminati dal virus e poi portandosi le mani (non ancora lavate) sulla bocca, sul naso o sugli occhi; e raramente con contaminazione fecale.

I sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte. 

“Coronavirus vaccino” è una delle ricerche più frequenti su Google effettuate di queste ore: ma un vaccino per un nuovo coronavirus, come in questo caso, non esiste. Essendo una malattia sviluppata di recente, per realizzarne uno i tempi possono essere anche relativamente lunghi.

Cosa si può fare allora per prevenire un eventuale contagio. Qualche accortezza può essere presa:

Le raccomandazioni per ridurre l’esposizione e la trasmissione di una serie di malattie respiratorie comprendono il mantenimento dell’igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche) e delle vie respiratorie (starnutire o tossire in un...

Continua a leggere su HuffPost