Coronavirus, sospesi i test della patente in Lombardia e Veneto

Coronavirus, test della patente sospesi in Lombardia e Veneto

A causa della crescente emergenza dovuta al continuo dilagare del Coronavirus in Italia, le Regioni di Lombardia e Veneto hanno deciso di sospendere i test della patente. Gli esami sono stati rinviati negli uffici della Motorizzazione civile di 14 province. Si tratta delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Milano, Padova, Parma, Pavia, Piacenza, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza. Lo prevede il nuovo dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus. A coloro che non potranno sostenere l’esame per la sospensione verranno prorogati i termini (anche del foglio rosa). Inoltre è stato stabilito “un numero massimo degli accessi giornalieri” agli uffici.

Coronavirus, sospesi i test della patente

La sospensione dei teste della patente è soltanto l’ultima precauzione presa dalle due regioni, le quali risultano tra le più colpite. Intanto è salito a 7 il numero dei morti. E si contano circa 237 contagi. 173 casi e 6 vittime in Lombardia; 38 casi e un morto in Veneto; 18 casi in Emilia Romagna, 3 in Piemonte e nel Lazio, uno in Alto Adige e uno in Sicilia. Qui è infatti risultata positiva una donna di Bergamo a Palermo. Si conta tra i contagiati anche un medico italiano a Tenerife. Mentre in Cile sono in corso i controlli su un’altra nostra connazionale. Gli italiani che non sono voluti sbarcare a Mauritius sono rientrati.

Le sei regioni del Nord – Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria – potranno applicare il lavoro agile in modo “automatico” fino al 15 marzo. Lo prevede il nuovo dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus che consente alle imprese di utilizzare il cosiddetto smart working in deroga e “anche in assenza degli accordi individuali”.