Coronavirus, sospesi tutti i voli tra Spagna e Italia dall’11 marzo

coronavirus-voli

Nella giornata di martedì 10 marzo il governo di Madrid ha ordinato la sospensione di tutti i voli aerei tra la Spagna e l’Italia a seguito dell’emergenza coronavirus. Nel provvedimento, già pubblicato sulla Bollettino Ufficiale di Stato, si può infatti leggere che: “Sono state prese misure eccezionali per limitare la diffusione del coronavirus. La nuova misura entrerà in vigore dalla mezzanotte dell’11 marzo e rimarrà valida fino al prossimo 25 marzo, con le dovute eccezioni per i voli di Stato, voli cargo o quelli che trasportano personale medico umanitario.

Coronavirus, sospesi voli tra Spagna e Italia

La decisione è stata presa dal governo spagnolo a causa del gran numero di contatti tra le due nazioni, i quali rischiano di aumentare le possibilità di contagio: “La stragrande maggioranza dei casi importati nel nostro paese sono collegati a viaggiatori provenienti dall’Italia”. Tra i primi casi di coronavirus in Spagna vi fu infatti un medico di Piacenza trovato positivo mentre era in vacanza alle isole Canarie.

Nella comunicazione del governo si può inoltre leggere: “L’Italia rappresenta il terzo mercato aereo internazionale per importanza per la Spagna, con oltre 106 mila operazioni commerciali registrate nel 2019. […] Secondo questi dati, non sorprende che la stragrande maggioranza dei casi importati nel nostro paese siano collegati a viaggiatori provenienti dall’Italia”. Il testo precisa peraltro che la misura non deve essere considerata discriminatoria, ma proporzionata e obiettiva.

La situazione in Spagna

Il provvedimento del governo spagnolo arriva nei giorni in cui l’epidemia di coronavirus sta esplodendo anche nel paese iberico, con 577 nuovi contagi registrati nella capitale Madrid nella sola giornata del 9 marzo. In tutto il paese si contano inoltre quasi 30 decessi, mentre le regioni più colpite che risultato essere quelle dei Paesi Baschi e di Madrid dove le autorità hanno disposto la chiusura delle scuole e delle università per due settimane.