Coronavirus, caso sospetto: bimbo di 8 mesi curato da un medico infetto

coronavirus bimbo sospetto

Il padre di un bimbo britannico di 8 mesi è disperato dopo aver scoperto che i medici nutrono un sospetto di coronavirus sul piccolo. Infatti, da quanto si apprende, la mamma e il piccolo sono stati posti in quarantena per precauzione. Il bambino, inoltre, sarebbe stato curato da un medico infetto e perciò potrebbe aver contratto il virus cinese. Il papà del bimbo avrebbe anche spiegato che l’altra figlia di 4 anni potrebbe essere a sua volta infetta. Al Daily Mail si è espresso con molto preoccupazione.

Coronavirus, sospetto su bimbo britannico

“Diamo ai bambini Calpol e paracetamolo ma nulla funziona”, ha spiegato il padre di un bimbo di 8 mesi che risulta essere il caso sospetto di coronavirus più giovane del Regno Unito. Il piccolo, infatti, sarebbe stato curato da un medico infetto. I sintomi che ha presentato, inoltre, potrebbero essere molto simili a quelli del virus cinese. Insieme alla madre, il bimbo si trova ora in quarantena nella sua casa. Il papà ha raccontato ai giornali locali di trovarsi in un vero e proprio “inferno”.

Nel frattempo, i funzionari della sanità pubblica stanno cercando di rintracciare una decina di pazienti trattati dal medico infetto la scorsa settimana. Anche loro potrebbero aver contratto il virus all’ospedale di Worthing. Sono passate diverse ore da quando è stato confermato il primo caso di coronavirus a Londra: si tratterebbe di una donna rientrata dalla Cina. Il numero di casi di coronavirus confermati nel Regno Unito, attualmente, è di nove persone, ma i funzionari stanno cercando di ricostruire il percorso della prima donna infetta a Londra. Sulla base di ciò potranno poi avviare gli opportuni controlli sui pazienti a rischio.

Il professor Chris Whitty ha dichiarato: “Un altro paziente in Inghilterra si è rivelato positivo per il nuovo coronavirus, portando a nove il numero totale di casi nel Regno Unito. Questo virus è stato trasmesso in Cina e il paziente è stato ora trasferito in un centro specializzato NHS presso Guy’s e St Thomas a Londra”.