Coronavirus, Speranza: noi trasparenti, ora più coordinamento -2 -2-

Loc

Bruxelles, 6 mar. (askanews) - Poi il ministro ha chiesto di rafforzare la cooperazione in seno all'Ue. "I contatti tra noi ministri europei - ha detto - hanno evidenziato che, nonostante una forte volontà politica di collaborazione, vi è la necessità di un ancora più significativo e veloce coordinamento europeo, rivolto a conseguire certi obiettivi".

Speranza ha quindi elencato alcuni di questi obiettivi: "Assicurare il puntuale e tempestivo funzionamento del Meccanismo di protezione civile europeo e del Comitato Ue di sicurezza sanitaria; il ricorso ad acquisti centralizzati di apparecchiature e materiali; una loro rapida acquisizione e distribuzione congiunta, a partire dalle aree con maggiori esigenze; un efficace coordinamento e regole chiare e immediatamente operative per l'assegnazione di tali risorse; garantire un più efficace e tempestivo scambio di informazioni, oltre al sostegno economico previsto per alcune di queste attività".

"In ogni caso - ha continuato il ministro -, è opportuno che siano elaborati presto dei piani ben definiti in tutti i paesi, anche attraverso linee guida sugli aspetti diagnostici clinici e più in generale di gestione di pazienti, per evitare che le scelte più complesse debbano essere effettuate in carenza di informazioni importanti".

"L'Italia - ha concluso Speranza - ritiene che grazie alle risorse professionali, tecniche, organizzative e gestionali schierate sarà possibile fronteggiare adeguatamente questa difficile situazione, grazie anche ad una forte alleanza fra scienza e politica, sia a livello nazionale che internazionale; e che l'Ue possa e debba garantire il necessario collante e supporto per vincere insieme una sfida a beneficio delle popolazioni dei nostri paesi e del mondo intero".