Coronavirus, sport al parco: possibile ma mantenendo le distanze

coronavirus sport al parco

Il nuovo decreto varato da Conte in data 11 marzo 2020 pala chiaro: bisogna stare in casa il più possibile ed evitare spostamenti. In molti si sono chiesti se fosse dunque possibile uscire dalla propria abitazione per fare sport o attività al parco, e la risposta è arrivata direttamente dal Ministero della Salute: sì ma rispettando la distanza di sicurezza per limitare al massimo il contagio da coronavirus.

Coronavirus: possibile fare sport al parco?

A chiarire il tutto è stata Sandra Zampa sul proprio profilo Twitter. Il sottosegretario ha spiegato che le attività motorie negli spazi aperti sono ammesse solo se si rispetta la distanza interpersonale di almeno un metro.

In ogni caso bisogna evitare gli assembramenti e non prendere lo sport come una scusa per ritrovarsi con il proprio gruppo di amici. Nessun divieto quindi di uscire all’aria aperta né rischio di essere denunciati dalle forze dell’ordine. L’importante è rispettare le norme di sicurezza previste.

Sul sito del governo vi è infatti scritto che “parchi e giardini pubblici possono restare aperti per garantire lo svolgimento di sport ed attività motorie all’aperto, come previsto dall’art.1 comma 3 del dpcm“. Si raccomanda comunque di fare attenzione e uscire il meno possibile. Questo perché, in caso di caduta o qualsiasi altro incidente, si potrebbero causare danni alle strutture ospedaliere già al collasso.

Come detto dal capo della Protezione Civile Borrelli è poi necessario munirsi di autocertificazione. Il modulo è scaricabile sul sito del Ministero dell’Interno o compilabile seduta stante qualora si venisse fermati dagli agenti.