Coronavirus, Stabile(Fi): epidemia ha fatto emergere carenze Ssn

Red/Lsa

Roma, 4 mar. (askanews) - "L'emergenza coronavirus ha messo in evidenza in modo chiaro le carenze del nostro Servizio sanitario nazionale, già stressato dai tagli subiti negli ultimi anni. Ci si auspica che, finita questa emergenza, si affronti seriamente e con provvedimenti adeguati la grave situazione in cui versa il Ssn. Ci auguriamo che questa esperienza ci consenta di essere pronti la prossima volta". Lo ha detto nell'Aula di palazzo Madama la senatrice di Forza Italia, Laura Stabile, durante la discussione sul primo dl per fronteggiare il diffondersi Coronavirus. "Trentasette miliardi di tagli in dieci anni - ha aggiunto - hanno comportato la drastica diminuzione del personale sanitario, dei posti letto, delle strutture ospedaliere, persino degli approvvigionamenti dei presidi medici (mascherine, camici a perdere, dispositivi di protezione). Oggi in Italia ci sono tre posti letto per ogni mille abitanti mentre la Francia, per esempio, ne ha 6 su 1000 e la Germania 8. Sono dati che fanno emergere - ha osservato - la difficoltà in cui sono costretti ad operare i medici già durante l'ordinaria amministrazione. Si pensi un po' durante una crisi come quella del coronavirus. Servono, pertanto, provvedimenti urgenti e finanziamenti importanti. Un'ultima notazione - ha concluso Stabile - va fatta sulla gestione del numero unico del pronto intervento 112 che non funziona come dovrebbe, in quanto per l'alto numero delle chiamate si determina una sorta di imbuto per cui si deve attendere anche mezzora prima di poter parlare con un operatore ed essere poi smistati al servizio richiesto".