Coronavirus, stop delle autorità a una seconda partita di AstraZeneca

·1 minuto per la lettura
Covid, in Campania sospeso un secondo lotto di vaccino AstraZeneca
Covid, in Campania sospeso un secondo lotto di vaccino AstraZeneca

Nella giornata del 12 marzo un secondo lotto di vaccino AstraZeneca è stato sospeso in Campania in seguito alla richiesta fatta alle regioni da parte dell’Istituto superiore di sanità di inviare campioni di fiale del siero per poterli comparare con quelli del lotto bloccato nella giornata di ieri. Il lotto bloccato in Campania è quello con numero di serie AV6096, dal quale proveniva il vaccino che era stato somministrato a Vincenzo Russo, il bidello 58enne di Afragola morto tre giorni dopo la vaccinazione.

Vaccino, sospeso in Campania lotto di AstraZeneca

La richiesta dell’Istituto Superiore di Sanità è stata annunciata anche da un comunicato della Regione Campania, nel quale si precisa come non esistano al momento rischi relativi alla somministrazione del vaccino AstraZeneca: “L’Unità di Crisi, riunitasi d’urgenza questa mattina, ha recepito le indicazioni del Ministero della Salute, sbloccando la somministrazione del vaccino Astrazeneca che quindi riprenderà regolarmente, fatti salvi i lotti sui quali, in via precauzionale, è in corso una campionatura da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Tali lotti non verranno utilizzati per il tempo strettamente necessario al completamento della campionatura. Non esistono al momento controindicazioni sanitarie al prosieguo della campagna vaccinale con AstraZeneca”.

Soltanto due giorni fa in Campania era deceduto a soli 58 anni il bidello Vincenzo Russo, svenuto durante il suo orario di lavoro poco dopo essersi sottoposto alla somministrazione della prima dose di vaccino anti Covid. Al momento sono escluse correlazioni tra il vaccino e il decesso dell’uomo, sulla cui salma nelle prossime ore verrà effettuata l’autopsia per stabilire le cause della morte.