Coronavirus, Striscia di Gaza riapre le moschee -2-

Mgi

Roma, 3 giu. (askanews) - Dal 22 marzo scorso la Striscia di Gaza ha fatto registrare ufficialmente una sessantina di casi con un decesso; il numero di contagi era aumentato a metà maggio a causa di un'ondata di rientri di palestinesi provenienti dall'Egitto e - in misura minore - da Israele.

La Striscia di gaza è considerata una regione particolarmente a rischio per l'elevata densità di popolazione, per un alto tasso di povertà e per le strutture sanitarie fatiscenti.