Coronavirus, studio cinese: aumento temperatura frena virus -2-

Mgi

Roma, 19 mar. (askanews) - I ricercatori avvertono tuttavia che al momento lo studio - che si torva nella fase preliminare di valutazione - conferma solo una correlazione fra la virulenza e le condizioni meteorologiche: se, come pensano, esiste effettivamente un meccanismo di rapporto causale, allora con l'arrivo della primavera nelle zone temperate europee i contagi dovrebbero ridursi un 11% (grazie ad un aumento medio di tre gradi fra marzo e aprile) e del 37% in estate.

Al contrario, i contagi dovrebbero invece aumentare in zone come l'Australia e l'Africa del Sud con l'arrivo dell'inverno nell'emisfero meridionale. Ad ogni modo, lo studio - se i risultati preliminari venissero confermati - certifica che l'aumento della temperatura frena la diffusione del virus, ma non la blocca.