Coronavirus: su Amazon gli ordini prima necessità sono prioritari

Coronavirus, Amazon spedisce prima alcuni ordini

Anche Amazon si adatta al Coronavirus, soprattutto per quanto riguarda gli ordini: quelli contenenti beni di prima necessità, come ad esempio la spesa, hanno priorità su tutti gli altri, pertanto verranno spediti prima. La decisione è stata presa a seguito del grande numero di richieste pervenute in questi giorni, vista probabilmente anche la noia che dilaga nelle case.

Amazon e gli ordini prioritari

Le spedizioni di ordini “prima necessità” sono quindi intensificate, per far fronte al grosso rallentamento subito dalla mole di acquisti inoltrati al famoso sito di e-commerce. A risentirne è stato anche Amazon Prime e Prime Now, che fino ad ora hanno sempre garantito consegne lampo, con tempi di attesa irrisori.

Coronavirus: quali prodotti arrivano subito

I beni considerati di prima necessità, secondo una lista stilata dalla stessa azienda, sono:

  • alimentari;
  • cibo e forniture per animali;
  • farmaci e dispositivi medici;
  • prodotti per la cura della casa;
  • prodotti per la cura della persona;
  • libri

L’iniziativa della spedizione prioritaria per una determinata cerchia di ordini era partita negli Stati Uniti e poi, vista l’efficacia dimostrata, è stata applicata anche in Europa. Ovviamente, tutti gli altri articoli rimangono disponibili all’acquisto, semplicemente la spedizione avverrà con una priorità più bassa.

“Capiamo che si tratta di un cambio di direzione importante per i nostri venditori associati, apprezziamo la comprensione per la priorità data solo ad alcuni prodotti”, ha comunicato Amazon. La regola rimane in vigore fino al 5 aprile 2020, salvo ulteriori proroghe.