Coronavirus, Svizzera rafforza misure ma esclude il confino -2-

vgp

Roma, 21 mar. (askanews) - Di fronte alla rapida progressione dei casi, l'Accademia svizzera delle scienze mediche (ASSM) ha pubblicato venerdì linee guida sulle decisioni relative allo smistamento dei pazienti nelle unità di terapia intensiva. In caso di sovraccarico di capacità in terapia intensiva, "la prognosi a breve termine è il fattore decisivo per il triage", indica il SAMS, sottolineando che i pazienti la cui prognosi per dimissione dall'ospedale è favorevole con terapia intensiva ma sfavorevole senza questa cura, deve avere "priorità assoluta".

Dopo aver ordinato la chiusura di scuole, caffè, ristoranti e negozi diversi da cibo, salute e generi di prima necessità e dopo aver vietato tutte le manifestazioni pubbliche e private, il governo svizzero ha bandito venerdì i raggruppamenti di più di cinque persone. Gruppi di oltre cinque persone sono soggetti a una multa di 100 franchi svizzeri a persona.

IL governo rifiuta, tuttavia, di confinare la popolazione, anche se alcuni, ad esempio l'associazione dei giovani medici di medicina generale svizzeri, rivendicano una tale misura. "Quello che facciamo oggi nel paese è molto vicino a quello che fanno i paesi intorno a noi. Ma la differenza è che non stiamo facendo politica spettacolo ", ha detto il ministro degli Interni, quando gli è stato chiesto delle misure di contenimento adottate da alcuni paesi europei.