Coronavirus, Tajani (Fi): consiglio Ue istituisca tavolo tecnico

Luc

Roma, 9 mar. (askanews) - "Dal nanismo iniziale i leader europei hanno il dovere di trarre una lezione e di rendere le istituzioni europee pronte a fronteggiare le emergenze future. La Commissione ha predisposto una unità di crisi sul Coronavirus composta da 5 Commissari e intensificato i rapporti fra i Ministri della Salute, ma, evidentemente, serve ben altro". Così sul Corriere della Sera Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia e vicepresidente del Partito Popolare Europeo.

"Chiediamo al Consiglio europeo di istituire un tavolo tecnico scientifico di coordinamento dei 27 Paesi membri. Questa struttura dovrà decidere linee guida comuni, cioè una strategia per affrontare gli aspetti sanitari, ma anche le ricadute sull'economia e sulla vita sociale. La sospensione della Borsa Italiana, per esempio, che abbiamo sollecitato per fermare gli speculatori e preservare le aziende dal panico, è una decisione che ha conseguenze globali e richiede una regia internazionale. Una regia serve anche per evitare che il sacrificio della «chiusura» delle zone rosse avvenga solo in un Paese e non negli altri dove pure esistono focolai accesi o, altro esempio, per attrezzarsi a far rispettare le limitazioni alla mobilità tra uno Stato e l'altro: un cittadino proveniente da Milano oggi viene «controllato» in Campania e non se emigra in un altro Paese europeo e viceversa".

"Per accelerare la fine dell'emergenza è necessario che la Commissione promuova la ricerca sui farmaci antivirali e sui vaccini, favorisca acquisti centralizzati di apparecchiature e materiali perché l'«egoismo da mascherina» non è accettabile così come lo sarebbero sprechi e speculazioni. Il migliore antidoto al panico è la conoscenza e un Continente - specie quello culla della cultura moderna e della scienza - ha più risorse di un singolo Stato. O si cresce - e ci si cura - insieme, difendendo la salute pubblica e dunque la sopravvivenza stessa degli europei o non ha senso ritrovarsi per discutere di altro", conclude Tajani.