Coronavirus: telefonata Salvini a sindaci zona rossa Lodigiano

Lsa

Roma, 20 mar. (askanews) - Matteo Salvini ha telefonato ai sindaci dei dieci Comuni di quella che era stata la prima zona rossa del Lodigiano, senza distinzione di schieramento politico, per ribadire la propria solidarietà e offrire supporto per le richieste del territorio. E' quanto informa un comunicato del leader della Lega.

I dieci comuni lombardi, si ricorda nella nota, chiedono l'azzeramento delle tasse comunali per tre anni. Costo stimato: circa 20 milioni di euro. Un'ipotesi che nel decreto del governo non c'è. "Presenteremo un emendamento al Cura Italia: sarebbe un provvedimento doveroso - spiega Salvini - e per di più non eccessivamente oneroso per le casse dello Stato, per aiutare i cittadini duramente colpiti dall'emergenza". Tra le richiesta delle Lega anche "un fondo ad hoc per fare investimenti sul territorio. Il modello - conclude Salvini - è quello già sperimentato col ministero dell'Interno quando la Lega era al governo". I comuni della prima zona rossa del Lodigiano sono: Codogno, Casalpusterlengo, Maleo, San Fiorano, Terranova dei Passerini, Bertonico, Castelgerundo, Somaglia, Castiglione d'Adda, Fombio.