Coronavirus, tennis: la stagione resta a rischio

La stagione del tennis, interrotta a causa dell'emergenza Coronavirus, resta a rischio. E' quanto ha fatto capire Andrea Gaudenzi, presidente ATP, in un'intervista a 'Sky Sport'. "Quando si ricomincia a giocare? Non lo sa nessuno, nessuno lo può sapere: abbiamo una cinquantina di opzioni di calendario, ma nulla è deciso".

"E' ancora un po' presto, prenderemo le decisioni verso maggio" ha aggiunto l'ex tennista azzurro. Al momento la stagione è sospesa fino al 13 luglio, una decisione che ha costretto gli organizzatori del Torneo di Wimbledon a cancellare l'evento 2020.

"Riprendere per noi e' estremamente complesso, siamo uno sport globale - ha poi spiegato Gaudenzi -. In un evento muoviamo 3-4 mila persone, una delle ipotesi è quella di giocare sulla terra rossa dopo gli Us Open e poi continuare la stagione normale in Asia. Gli Internazionali d'Italia a Roma? Forse si potrà giocare a settembre o ad ottobre, ma c'e' anche la possibilita' di non riuscire a giocare niente, andiamo avanti settimana per settimana".