Coronavirus, Toninelli: dopo emergenza riparliamo di sanità pubblica

Pol/Arc

Roma, 19 mar. (askanews) - "Viviamo una fase delicata che richiama tutti ad adoperarci con spirito di collaborazione e di unità nell'interesse dell'Italia e dei cittadini. Ma, una volta superata questa emergenza, credo indispensabile tornare a ragionare sui temi della gestione e del finanziamento alla sanità pubblica, alla quale vanno destinate maggiori risorse, non sottratte, come ha fatto in passato la Regione Lombardia, che ha privilegiato la sanità privata, a discapito di quella pubblica con l'effetto di ridurre i posti letto". Lo afferma l'ex ministro M5s Danilo Toninelli.

"Mi sembra ormai chiaro - prosegue il senatore - che occorrerà archiviare certe scelte 'scellerate' fatte solo di tagli lineari, perché è sotto gli occhi di tutti che il peso delle emergenze ricade sulla sanità pubblica, senza la quale agli italiani non sarebbe possibile assicurare il diritto alle cure e alla salute".

Toninelli sottolinea ancora che "l'arrivo sabato prossimo di 53 medici e infermieri da Cuba in supporto al personale sanitario di Crema, impegnato a fronteggiare l'emergenza Coronavirus, testimonia solidarietà e vicinanza del popolo cubano al popolo italiano, in una fase di estrema difficoltà per il nostro Paese, dove medici e infermieri sono in prima linea per assicurare a tutti il diritto alle cure e alla salute sancito dalla nostra Costituzione. Per questo a nome della comunità del M5S a loro va il mio più sentito ringraziamento".