Coronavirus, Toscana: richieste 164 confezioni di Tocilizumab

Cro/Ska

Roma, 14 mar. (askanews) - Da giovedì scorso sono iniziate le richieste del farmaco Tocilizumab per trattare pazienti gravi affetti da Covid-19. Come si ricorderà, il produttore Roche aveva nei giorni scorsi dichiarato la propria disponibilità a fornire gratuitamente il farmaco alle Regioni italiane e questa offerta era stata accettata anche dalla Toscana.

Le confezioni richieste in Toscana sono al momento 164 e i casi autorizzati all'impiego sono i 61 seguenti: Ospedale San Donato (Arezzo) 7; Ospedale San Luca (Lucca) 5; Spedali Riuniti Livorno 5; AOU Careggi 13; Aou Pisa 12; Ospedale di Grosseto 2; Ospedale di Empoli 10; AOU Siena 7.

La procedura definita con il produttore prevede un contatto diretto tra il clinico richiedente e la Direzione medica dell'industria per definire le modalità di impiego sulla base dei parametri clinici del singolo paziente.

Si tratta, come noto, di un farmaco che è ad oggi autorizzato per la cura dell'artrite reumatoide e trova impiego in ambito oncologico. Occorre quindi ribadire l'impiego a livello compassionevole del farmaco dato il livello attuale delle conoscenze sulla reale utilità in questa patologia infettiva.