Coronavirus, Toti: siamo sulla linea del Piave, state a casa

Red/Gtu

Roma, 21 mar. (askanews) - "Domani dovrà essere una domenica in casa. Siamo sulla linea del Piave, non possiamo concedere nulla al nostro nemico", così il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto della situazione sul Coronavirus in Liguria alla luce dei numeri registrati oggi, e sottolinea: "Nelle prossime ore ci giochiamo davvero la sfida con questa malattia, la distanza sociale è l'elemento che può aiutare la nostra sanità a superare l'onda di piena dei malati, che prevediamo ancora in arrivo per alcuni giorni ai nostri ospedali. Quindi è necessario l'impegno di tutti. Lunedì illustreremo una serie di misure per aiutare le famiglie e le imprese, messe in campo da Regione Liguria in aggiunta a quelle del governo".

"La curva dell'epidemia è in espansione, come previsto - prosegue Toti - ma nessuno, grazie a uno enorme sforzo da parte di tutti, è rimasto senza le cure di cui aveva bisogno. Tutti coloro che hanno avuto bisogno hanno ricevuto le cure più appropriate. Purtroppo le vittime sono molte, un numero importante e difficile da accettare. Quello che possiamo dire, e lo facciamo con orgoglio, è che tutti coloro che potevano farcela, oggettivamente sono stati messi nelle condizioni di potercela fare. Il nostro sforzo continua: nei prossimi giorni salirà ancora il numero dei posti di terapia intensiva e di media intensità, mentre i numeri delle persone che sono al domicilio ci dice che la medicina del territorio sta dando risposte importanti. Crescono i guariti, la situazione è difficile, ma le cifre ci confermano che la macchina dell'emergenza sta funzionando. Finora abbiamo fatto tutto il possibile, ogni giorno, e continueremo a farlo".(Segue)