Coronavirus, in Ucraina attaccati pullman con evacuati da Cina

Dmo

Roma, 21 feb. (askanews) - Decine di manifestanti hanno attaccato i pullman che trasportavano le persone evacuate dalla Cina in seguito all'epidemia di coronavirus, nella città ucraina di Novi Sanzhary. Gli evacuati sono stati ricoverati in quarantena nell'ospedale della città nella regione della Poltava.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fatto appello ai manifestanti affinché mostrino più solidarietà con gli evacuati. Il servizio di sicurezza ucraino ha reso noto che false email dal ministero della Salute del Paese parlavano di evacuati già contagiati. L'Ucraina al momento non ha casi confermati di contagio.

Per dimostrare la sua solidarietà con i 45 ucraini e 27 stranieri evacuati dalla Cina la ministra della Salute Zoryana Skaletska ha dichiarato che si recherà nel reparto di quarantena e dirigerà il suo ministero da lì via Skype. "Spero che la mia presenza possa tranquillizzare coloro che vivono a Novi Sanzhary e anche nel resto del Paese", ha scritto in un post su Facebook post (in Ukrainian).