Coronavirus: Udine supporta altri centri in Italia per trapianti -2-

Fdm

Trieste, 25 mar. (askanews) - Per quanto riguarda le specifiche unità, il responsabile dei trapianti di cuore, Ugolino Livi, rende noto che dalla data di inizio della pandemia sono stati eseguiti 3 trapianti cardiaci e allo stato attuale è in corso di attesa come emergenza nazionale (priorità assoluta per organo disponibile) un paziente, mentre altri due sono in lista d'attesa urgente per l'area del nord Italia. L'unità trapianti di fegato dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale (Asufc) ha eseguito, invece, 8 trapianti di cui 4 durante il periodo dell'emergenza Covid-19 in cui è rimasta attiva h24. "Abbiamo anche effettuato - spiega il responsabile Umberto Baccarani - un prelievo di fegato inviando l'organo al Centro trapianti di fegato di Padova per un trapianto in urgenza". Il direttore della Soc di Nefrologia, Dialisi e Trapianto renale (Asufc), Giuliano Boscutti, segnala che dopo un avvio del 2020 che ha portato a 14 trapianti in due mesi, la pandemia ha impegnato la struttura a mettere in sicurezza i percorsi di cura nefrologici, dialitici e trapiantologici. "In particolare il trapianto da vivente - spiega Boscutti - ha ricevuto una battuta di arresto nel mese in corso trattandosi di una attività programmabile, mentre è proseguita l'attività di trapianto da donatore cadavere, che utilizza un bene prezioso non dilazionabile, che ha fornito altri 3 trapianti nel mese in corso portando il totale dei primi tre mesi a 17 complessivi. Prosegue invariata la attività di immissione in lista, che mantiene oltre 140 pazienti in attesa di trapianto e che si giova della collaborazione di tutta la rete nefrologica regionale".