Coronavirus, Uffizi: nessun impatto su afflusso visitatori

Xfi

Firenze, 3 feb. (askanews) - "Abbiamo appena calcolato la crescita di gennaio, +18% di biglietti venduti, nonostante tutto. Soprattutto è molto incoraggiante vedere che anche nell'ultima settimana visitatori e biglietti venduti hanno continuato a crescere. Dunque possiamo dire che se la situazione dovesse rimanere quella di adesso non inciderà molto sul numero dei visitatori e della crescita". Così, a margine della presentazione dei numeri delle Gallerie degli Uffizi nel 2019, il direttore Eike Schmidt ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se il Corona Virus potesse avere un impatto sulla crescita dei visitatori in museo. Se il Corona Virus "dovesse diventare una pandemia globale, e al momento questo è uno scenario totalmente ipotetico, ovviamente ciò avrebbe un impatto sul turismo e sui musei - ha aggiunto - se l'impatto dovesse invece rimanere localizzato, regionalizzato, non ci aspettiamo un grande influsso su visite e crescita, e questo per due ragioni: l'estrema diversità dei nostri visitatori, poichè ogni settimana abbiamo visitatori da oltre 100 paesi diversi, e in secondo luogo il fatto che, specialmente in alta stagione abbiamo più richiesta che offerta, per cui se un gruppo di una nazione non viene, ce ne è subito uno di un'altra nazione pronto a sostituirlo".