Coronavirus, ultime news sul covid in Italia e nel mondo

webinfo@adnkronos.com
·5 minuto per la lettura

Le ultime news sull'emergenza coronavirus in Italia e all'estero. Le misure adottate e quelle in arrivo per Natale. Le novità sui vaccini, i pareri degli esperti, i bollettini dei contagi.

ORE 11.25 - Superati i due milioni di casi di coronavirus confermati in Africa, dove nelle ultime 24 ore sono stati segnalati circa 13mila nuovi contagi. Lo rende noto il sito di statistiche 'Worldometer', che aggiorna a 48.112 il totale delle persone che hanno perso la vita per complicanze legate all'infezione, 337 in più rispetto a ieri.

ORE 10.57 - "Credo che i parametri debbano essere oggettivi e scientifici al 100%, devono essere degli automatismi come quelli che si sono creati. Da venerdì scorso il Piemonte è potenzialmente in zona arancione e se il 30 di novembre avremo mantenuto questi dati potremo uscire dalla zona rossa. Questo automatismo è utile perché ci permette prudenza e senso di responsabilità che sono fondamentali ma allo stesso tempo deve essere ben percepito. Quello che le Regioni chiedono è di creare un meccanismo che sia più facilmente comprensibile anche dall'opinione pubblica, ancorato a valutazioni scientifiche e mediche ma nello stesso tempo più chiaro nella percezione delle persone". Così il presidente del Piemonte, Alberto Cirio, a Sky Tg24.

ORE 10.27 - La Russia segnala un nuovo triste record con 456 decessi a causa della pandemia di coronavirus e 20.985 nuovi casi di infezione, 4.174 dei quali a Mosca. L'agenzia Tass sottolinea come per i contagi si tratti a livello nazionale del dato giornaliero più basso dall'11 novembre e come gli ultimi numeri arrivati dalla capitale siano i più incoraggiati dal 28 ottobre. I dati ufficiali parlano di un totale di 1.991.998 casi dall'inzio dell'emergenza sanitaria (526.630 a Mosca) e di 34.387 morti (8.009 nella capitale). Sono invece più di 1,5 milioni le persone guarite.

ORE 10.16 - "I 21 indicatori sono affidabili e per 26 settimane ci hanno guidato correttamente". In un'intervista a 'La Stampa', il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro difende il meccanismo del monitoraggio che regola il 'semaforo' delle chiusure e delle aperture regionali in base alla valutazione del rischio Covid-19.

ORE 9.37 - "La scuola non ha avuto un’incidenza decisiva per l’innalzamento dei contagi, non avevo dubbi. In estate si è lavorato tanto e gli adulti sono stati bravi a far rispettare le regole". Lo ha affermato la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina.

ORE 9.27 - I parametri usati per la classificazione a zone dell'Italia "sono gli stessi su cui la cabina di regia ha lavorato da maggio a oggi e continuerà a farlo. " Così il ministro delle Regioni Francesco Boccia in audizione alla Camera, sottolineando che "questo approccio è la nostra forza, un approccio differenziando le misure a seconda delle esigenze territoriali secondo un principio di adeguatezza e proporzionalità, costruendo percorsi che portano cittadini e imprese a fare i sacrifici minori possibili. Continuiamo su questa strada".

ore 9.10 - La Francia si avvia verso una fine del confinamento a tappe. "Resteranno delle restrizioni" aveva avvisato ieri il premier Jean Castex riferendosi al periodo successivo al primo dicembre. Tra le misure in esame destinate a rendere progressiva la riapertura figurano limitazioni ai raduni e agli spostamenti, tra cui un possibile ritorno al coprifuoco, visto come misura intermedia verso il rientro alla normalità, scrive Bfmtv. Deroghe alle limitazioni negli spostamenti sono prese in considerazione in vista delle vacanze di Natale.

ORE 8.50 - La Germania segnala 17.561 nuovi casi di coronavirus e altri 305 decessi dopo i 14.419 contagi registrati ieri con 267 morti. I dati aggiornati dell'Istituto Robert Koch parlano di un totale di 833.307 casi dall'inizio dell'emergenza sanitaria e 13.119 vittime. Sono invece circa 546.500 le persone guarite.

ORE 8.30 - "Non c’è mai la possibilità di aprire immediatamente. Per fortuna ci sono miglioramenti" nell'andamento del trend epidemico del Covid, "ma chiedere ai presidenti di regione di avere la pazienza di consolidare risultati è la strada che bisogna percorrere". Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, ad Agorà si esprime così sul confronto tra governo e regioni sulle misure adottate per arginare la diffusione del coronavirus.

ORE 8.08 - "Purtroppo vedremo altri morti, le infezioni in cammino producono anche questo. Siamo vicini alla soglia dei 4000 pazienti in terapia intensiva: le rianimazioni, se si svuotano, hanno un ricambio più con i decessi che con le dimissioni". E' la riflessione del professor Massimo Galli, direttore di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, che interviene ad Agorà commentando le ultime news e i dati più recenti sull'emergenza coronavirus in Italia.

ORE 7.20 - Tokyo registra un record di 493 nuovi casi di coronavirus. Lo riporta l'agenzia Kyodo che ricorda il precedente picco di 472 casi all'inizio di agosto e che anticipa un possibile innalzamento del livello di allerta al massimo grado da parte delle autorità locali. Secondo la Kyodo, dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono più di 35.000 i casi segnalati nella capitale, mentre in tutto il Giappone i dati ufficiali parlano di 121.963 contagi (con 1.933 decessi), compresi i circa 700 casi relativi alla nave da crociera Diamond Princess che a febbraio è stata in quarantena nel porto di Yokohama.

ORE 6.50 - Scontro Regioni-governo sulle zone rosse. "Il dialogo con le regioni è sempre aperto. I 21 parametri indicano l'indice di rischio insieme all'Rt e determinano quali misure attuare sui territori", afferma all'Adnkronos Salute il ministro della Salute Roberto Speranza puntualizzando i criteri epidemiologici che hanno portato alla 'mappa' del rischio delle Regioni