Coronavirus, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo

webinfo@adnkronos.com
·6 minuto per la lettura

Le misure e l'abbassamento dell'indice Rt. Zone gialle, rosse e arancioni dopo la firma di una nuova ordinanza sulle regioni da parte del ministro Speranza, bollettini dei contagi aggiornati e tutte le ultime notizie sul coronavirus dall'Italia e dal mondo.

ORE 12.19 - Salgono ancora i medici morti in Italia per Covid-19: sono 191 secondo l'elenco dei 'caduti' aggiornato dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici, chirurghi e odontoiatri (Fnomceo). Le ultime vittime sono Annibale Battaglia, medico di medicina generale, e Giuseppe Sessa, anestesista.

ORE 12.02 - "Nei prossimi giorni cominceranno a entrare sulla curva dei casi, dei posti occupati in terapia intensiva e delle ospedalizzazioni gli effetti delle ultime misure del governo, in particolare l’istituzione delle zone rosse di questa settimana; questi effetti dovrebbero mostrarsi anche sulla curva dei decessi. Grazie a tutto questo da qui a 7 giorni avremo un quadro molto più chiaro della situazione. In particolare, sapremo se queste ultime misure saranno state sufficienti a incominciare la tanto agognata discesa. Incrociamo le dita". E' l'analisi del gruppo di scienziati che si occupano della pagina Facebook 'Coronavirus-dati e analisi scientifiche'.

ORE 11.57 - ''In Italia a marzo c'erano 5.179 posti letto di terapia intensiva. Al picco dell'emergenza della prima ondata noi avevamo circa 7mila pazienti covid ricoverati in terapia intensiva, duemila di più di quelli che la totalità dei reparti potevano accogliere. Oggi abbiamo circa 10mila posti, le abbiamo raddoppiate, e arriveremo a 11.300 nel prossimo mese. Oggi i ricoverati in terapia intensiva sono 3.400, quindi la pressione su questi reparti non c'è''. Lo ha detto il commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus Domenico Arcuri intervenendo a Finance Community week.

ORE 11.55 - Il metodo per definire le 'zone' dell'emergenza Covid "lo abbiamo approvato come Regioni ed era un'occasione per avere un benchmark, poi è diventato un elemento di giudizio, penso che dovrà essere modificato". Lo ha affermato il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervenendo a 24Mattino su Radio 24.

ORE 11.39 - Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 1620 tamponi: 928 nel percorso nuove diagnosi e 692 nel percorso guariti. I positivi sono 282 nel percorso nuove diagnosi (60 in provincia di Macerata, 133 in provincia di Ancona, 22 in provincia di Pesaro-Urbino, 24 in provincia di Fermo, 35 in provincia di Ascoli Piceno e 8 da fuori regione).

ORE 11.26 - "Tutto lascia pensare che abbiamo oltrepassato un picco" dell'epidemia. A dichiararlo è stato il ministro della Salute francese Olivier Véran, nel corso di un'intervista concessa alla stampa regionale del gruppo Ebra. "Grazie al confinamento, come nel mese di marzo, il virus comincia a circolare meno. Da dieci giorni a questa parte, il numero delle nuove diagnosi di Covid-19 diminuisce, il tasso di positività scende e la percentuale di incidenza anche". "Ma non abbiamo ancora sconfitto il virus... E' chiaramente troppo presto per cantare vittoria ed allentare i nostri sforzi", ha aggiunto, sottolineando che bisognerà tenere d'occhio le cifre dell'epidemia per vedere se la tendenza si confermerà.

ORE 10.42 - "Ascolto con sconcerto parole di rassicurazione ed ottimismo intorno al fatto che la velocità del contagio 'stia rallentando'. Il problema è che, se tutti lo ripetono, la gente alla fine ci crede". L'epidemiologo Pier Luigi Lopalco, neoassessore alla Sanità della Puglia, smorza gli entusiasmi per il calo dell'indice Rt: "Siamo ben lontani dal cantare vittoria", sottolinea in un post su Facebook, chiedendo di "rafforzare le misure di prevenzione primaria. Ovvero il distanziamento sociale. Altrimenti andremo a sbattere contro il muro a 300 all'ora. Chilometro più, chilometro meno".

ORE 9.59 - "Non c'è nessuna prova che il coronavirus fosse presente in Italia già a settembre 2019". Lo chiarisce l'immunologa dell'Università di Padova Antonella Viola in un post su Facebook commentato la ricerca dell'Istituto tumori di Milano, dell'università Statale e dell'Università di Siena che ha scoperto anticorpi legati al Covid già a settembre 2019 nei campioni di sangue di diversi asintomatici.

ORE 9.28 - "Sars-Cov2 ha messo in linea di produzione una serie di scienziati privi dei necessari parametri per essere definiti e riconosciuti come tali". A parlare è Alberto Zangrillo, primario dell'unità operativa di Anestesia e Rianimazione generale dell'Istituto San Raffaele di Milano, nonché referente direzionale delle Aree Cliniche del medesimo ospedale, in una intervista a 'Libero'.

ORE 9.10 - "Indubbiamente dopo settimane di incremento tumultuoso dei nuovi contagi stiamo assistendo ad un rallentamento della curva. E' una prova causa-effetto che quello che stiamo facendo funziona". Lo ha affermato Luca Richeldi, direttore dell'Unità operativa di Pneumologia della Fondazione Policlinico Gemelli di Roma e membro del Comitato Tecnico Scientifico, ospite di 'Omnibus' su La7.

ORE 8.50 - Record di 22.778 nuovi contagi da Covid-19 in Russia, il numero più alto mai registrato in un giorno nel Paese dallo scoppio della pandemia. Lo riferiscono le autorità sanitarie locali, spiegando che sono a Mosca sono stati confermati 6.360 nuovi casi. Sale così a 1.948.603 il totale dei contagiati in Russia.

ORE 8.30 - "Resto molto prudente, ma i nostri esperti del Cts ci dicono che la curva dei contagi si va stabilizzando. E' ancora presto per dirlo, ma ci sono valide ragioni per credere che le ultime misure comincino a dare qualche risultato". Lo ha affermato il ministro della Salute Roberto Speranza in un colloquio con il quotidiano 'La Stampa', avvertendo che "i prossimi 7-10 giorni saranno decisivi e ci diranno se la divisione del Paese in tre zone, e se il meccanismo sostanzialmente automatico delle restrizioni regione per regione, sta dando i frutti che tutti speriamo".

ORE 8 - Superati gli undici milioni di casi di coronavirus negli Stati Uniti, dove per il tredicesimo giorno consecutivo sono stati confermati oltre 100mila nuovi contagi. Lo riporta la Johns Hopkins University, parlando di 133.045 casi confermati in più rispetto a ieri e aggiornando a 11.036.935 il totale dei contagiato.

ORE 7.30 - Sono più di 130mila le persone che in India hanno perso la vita per complicanze riconducibili al coronavirus. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Nuova Delhi, riferendo di 435 vittime nelle ultime 24 ore e aggiornando a 130.070 il totale dei morti. E' invece salito a 8.845.127 il totale delle persone contagiate dal Covid-19, con un aumento di 30.548 rispetto al giorno precedente. Si tratta dell'incremento più basso registrato nelle 24 ore dal 15 luglio e il nono giorno consecutivo in cui il numero dei contagi in India è inferiore a 50mila.

ORE 7 - La Germania si appresta a introdurre nuove limitazioni, in particolare sulle riunioni e sul'uso delle mascherine, mentre nelle ultime 24 ore si sono registrati 10.824 nuovi contagi da coronavirus e 62 morti per complicanze. A fornire i dati è il Robert Koch Insitute, l'agenzia incaricata di monitorare la diffusione del contagio in Germania, mentre la cancelliera Angela Merkel ha organizzato per oggi una videoconferenza con i leader dei 16 stati federali per discutere la situazione.

ORE 6.50 - "Abruzzo in zona rossa? Si tratta di una proposta che ci ha fatto il nostro comitato tecnico scientifico, che stiamo discutendo e valutando". Lo ha detto all'Adnkronos il presidente della regione Abruzzo Marco Marsilio parlando della possibilità del passaggio dell'Abruzzo in zona rossa annunciando che oggi "ci consulteremo con gli enti locali, con tutte le altre componenti dell'Abruzzo e faremo le nostre valutazioni. Completeremo i passaggi con il consiglio regionale e decideremo".