Coronavirus, in un mese calato lo smog nel Nord Italia

webinfo@adnkronos.com

Effetto coronavirus sullo smog. In un mese l’inquinamento nel Nord Italia è diminuito dopo l'istituzione delle zone rosse e la chiusura di scuole e attività. Lo dimostrano le foto diffuse su twitter da Santiago Gassò, dell'Università di Washington e della Nasa. Nel nostro Paese è successo quello che era accaduto in Cina con le restrizioni imposte dal governo per contrastare l’emergenza Covid 19.  

I livelli di biossido di azoto, un marcatore dell'inquinamento, si sono ridotti chiaramente come attestato dalle immagini del satellite Sentinel 5 del programma europeo Copernicus, gestito da Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa). In particolare, i sensori del satellite, Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument) hanno rilevato il progressivo ridursi della nube rossa di biossido di azoto, il gas nocivo emesso dai combustibili fossili, quindi in particolare dai veicoli a motore e dalle strutture industriali.