Coronavirus, uno studio: malati di Parkinson non rischiano di piu'

Redazione

MILANO (ITALPRESS) - Uno studio condotto presso il Centro Parkinson dell'ASST Pini-CTO di Milano con il contributo della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e pubblicato sulla rivista scientifica Movement Disorders, mostra che le persone affette da Parkinson non sono maggiormente esposte al rischio di contrarre l'infezione da SARS-CoV-2, ma hanno espressione di sintomi, quadri clinici ed esiti di mortalita' addirittura piu' lievi.

"Siamo riusciti a portare a termine un lavoro notevole, il piu' significativo finora condotto al mondo per il numero di pazienti parkinsoniani coinvolti e su una popolazione ben specifica e determinata sia geograficamente che temporalmente, all'interno di una delle regioni maggiormente colpite dal COVID-19 a livello mondiale", dichiara Gianni Pezzoli, Presidente Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e gia' Direttore Centro Parkinson e Parkinsonismi dell'ASST Gaetano Pini-CTO, Milano, attualmente diretto dalla dottoressa Anna Zecchinelli.

"Con lo studio abbiamo provato a rispondere ai principali dubbi sui rischi, sintomi e possibili sviluppi fatali dell'infezione SARS CoV-2 nei pazienti affetti da malattia di Parkinson e cio' che e' emerso e' che questi pazienti non sono maggiormente esposti allo sviluppo di Covid, ne' hanno sviluppo di sintomi o forme piu' severe dell'infezione".

Lo studio ha coinvolto 1486 pazienti afferenti al Centro Parkinson dell'ASST Gaetano Pini-CTO di Milano con una diagnosi clinica di malattia di Parkinson e residenti in Lombardia, e 1207 familiari utilizzati come gruppo di controllo. L'analisi ha mostrato che i tassi di COVID, gli esiti di mortalita' e l'andamento dei quadri clinici sono sostanzialmente sovrapponibili tra i due gruppi. Tra i casi di COVID accertati, sono stati individuati 105 casi tra i pazienti parkinsoniani (il 7,1%) contro i 92 casi dei controlli (il 7,6%), con esiti di mortalita', rispettivamente del 5,7% e 7,6%. Anche le manifestazioni cliniche dell'infezione sono risultate simili, con febbre, tosse e congestione nasale tra i sintomi piu' ricorrenti in entrambi i gruppi.

Le uniche differenze riscontrate nei quadri clinici generali sono state riferite a un minor tasso di difficolta' respiratoria e a una percentuale inferiore di ospedalizzazioni nei pazienti con malattia di Parkinson. Il primo dato e' probabilmente riconducibile al fatto che i pazienti parkinsoniani possono presentare sintomi di difficolta' respiratoria indipendentemente dal COVID-19 e quindi questo elemento non e' stato considerato come conseguenza dell'infezione; il minor tasso di ricoveri, invece, e' presumibilmente dovuto alla propensione di gestire pazienti parkinsoniani a casa.

Lo studio ha analizzato inoltre i possibili fattori di rischio per COVID-19 nei pazienti affetti da Parkinson.

Oltre a obesita' e patologie respiratorie croniche preesistenti - fattori gia' conosciuti e presenti anche in altre casistiche - sono emersi anche l'eta' piu' giovanile e la mancanza di supplementi a base di vitamina D.

"Tra i fattori di rischio, l'eta' piu' giovanile potrebbe essere il risultato delle misure preventive piu' aggressive adottate nei pazienti piu' anziani", spiega Pezzoli. "Tuttavia, il dato forse piu' interessante ottenuto dallo studio riguarda la carenza di vitamina D3 e la mancata supplementazione di supporto come elemento di rischio. Quest'ultimo risultato rappresenta sicuramente uno spunto che merita ulteriori indagini per approfondire il significato e i potenziali effetti di bassi livelli di vitamina D3 e per prendere in considerazione l'utilizzo di una supplementazione che, solo in linea teorica fino a questo momento, potrebbe risultare come un fattore protettivo".

Dal confronto intergruppo effettuato nel corso dello studio, e' infatti emerso che i pazienti parkinsoniani affetti da COVID-19 avevano una supplementazione inferiore rispetto ai pazienti che non hanno contratto l'infezione. E' noto infatti come, in generale, la vitamina D sia in grado di ridurre il rischio di infezione, attraverso una serie di meccanismi, tra i quali la riduzione delle citochine infiammatorie che si innalzano notevolmente nel caso di COVID-19.

Alfonso Fasano, neurologo e professore ordinario presso l'Universita' di Toronto - anch'egli autore dello studio - aggiunge: "il ruolo della vitamina D come immunomodulatore e' ben noto da anni, come emerso, ad esempio, nei pazienti con sclerosi multipla. Il suo ruolo protettivo rispetto al COVID-19 e' stato ultimamente ipotizzato sulla base di dati epidemiologici quali il maggior contagio in regioni del mondo con scarsa esposizione alla luce solare (necessaria per la produzione endogena della vitamina). Il nostro dato ottenuto nei pazienti lombardi e' stato recentemente confermato da studi che hanno misurato i livelli plasmatici di vitamina D in pazienti affetti da COVID-19 ma non da Parkinson. Benche' promettenti, I risultati della nostra ricerca attendono di essere confermati da altri studi che tengano in conto di fattori confondenti quali l'esposizione alla luce solare e le abitudini alimentari".

In senso piu' generale, la relazione tra vitamina D e malattia di Parkinson rimane un campo di indagine ancora aperto: e' infatti noto che bassi livelli di vitamina D siano in qualche modo associati al deterioramento cognitivo e allo sviluppo della malattia di Parkinson in forma piu' severa, anche se non si ha ancora l'assoluta certezza del suo ruolo e se essa sia una causa, o piuttosto un effetto, del deterioramento cognitivo spesso associato alla patologia.

(ITALPRESS).

abr/com