Coronavirus, uomo in isolamento a Sanremo: era sulla nave Ms Westerdam

coronavirus

Sono saliti a 1.868 i morti a causa del coronavirus. 72.434 i contagiati. Nonostante l’epidemia continui a mietere vittime, il numero quotidiano di nuovi decessi è sceso a meno di mille in tutta la Cina e 1701 pazienti sono stati dimessi. Le persone guarite sono al momento 12.522. Anche fuori dalla provincia di Hubei, focolaio del virus cinese, le nuove infezioni sono diminuite, attestandosi a un numero inferiore a 100.

Ancora problemi però sulle navi da crociera. La Diamond Princess è ora ancorata nella baia di Yokohama. I passeggeri sani sbarcheranno mercoledì 19 febbraio. Tuttavia, l’allarme coronavirus non dà segni di cedimento e si sposta anche su un’altra nave da crociera: la Ms Westerdam. Dopo il “no” di Thailandia, Giappone, Taiwan, Guam e Filippine, l’imbarcazione è riuscita a ormeggiare in Cambogia. Venerdì 14 febbraio oltre mille passeggeri sono stati fatti scendere presso il porto di Sihanoukville. Tra loro anche tre italiani. Tuttavia, il 16 febbraio, due giorni dopo lo sbarco, una donna americana di 83 anni è risultata positiva al test del coronavirus. Ora le autorità della Cambogia e l’armatore della nave stanno cercando di rintracciare tutti i passeggeri già scesi, nella speranza di contenere l’epidemia. Altri mille turisti sono ancora a bordo della nave. Tra loro 2 italo-brasiliani.

Il ministero della Salute ha fatto sapere che i tre italiani che erano a bordo della nave da crociera bloccata in Cambogia stati rintracciati e tenuti sotto controllo: uno è rientrato in Italia, uno in Germania e uno in Slovacchia, dove vivono. Uno di loro è in isolamento a Sanremo.

Coronavirus, un isolamento a Sanremo

A bordo della Ms Westerdam c’erano due persone affette dal virus cinese. Eppure i passeggeri sono stati fatti sbarcare senza controlli.

coronavirus

Uno solo dei tre nostri connazionali fatti sbarcare dalla nave da crociera attualmente ferma in Cambogia vive in Italia, a Sanremo. E proprio nella sua terra ha preferito un “isolamento fiduciario volontario al domicilio”. L’Agenzia ligure per la sanità, inoltre, fa sapere che “sarà sottoposto alle misure di sorveglianza sanitaria previste dal protocollo implementato da Regione Liguria”, sebbene pare non presenti alcun sintomo. Stanno bene anche i due italiani residenti in Slovacchia e Germania, i quali, a loro volta, si sono posti in isolamento volontario domiciliare, monitorato. I due italo-brasiliani ancora a bordo stanno aspettando i risultati dei test.

coronavirus

I casi della Diamond Princess

Sono 542 le persone affette da coronavirus a bordo della Diamond Princess. Tra loro, un italiano risultato positivo ai test. La Protezione civile ha fatto sapere che l’uomo tornerà in Italia tra giovedì 20 e sabato 22 febbraio. Con lui verranno rimpatriati anche gli altri italiani. Il suo volo, tuttavia, non è ancora stato programmato. Sarà lui l’ultimo a rientrare in “alto biocontenimento”, com’è stato per Niccolò, lo studente 17enne che era rimasto bloccato in Cina. Stando a quanto riferito dalle autorità nipponiche, saranno 500 i passeggeri che mercoledì 19 febbraio lasceranno la nave: il processo di sbarco si concluderà in due giorni.

coronavirus

A bordo della nave da crociera ci sono 35 italiani, 25 dei quali sono membri dell’equipaggio (tra cui il comandante e l’ufficiale di coperta). Gli altri 10 connazionali sono passeggeri partiti nella speranza di godersi una piacevole vacanza, trasformata, invece, in un incubo spaventoso. I passeggeri rientreranno in Italia con un volo straordinario dell’Aeronautica militare. Successivamente saranno sottoposti a un ulteriore periodo di quarantena presso l’istituto Spallanzani. Alcuni italiani, tra cui il comandante, non scenderanno dalla Diamond Princess.