Coronavirus, vendevano mascherine a prezzo maggiorato

Red/Nav

Roma, 14 mar. (askanews) - I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno denunciato tre persone di 46, 53 e 56 anni, per il reato di manovre speculative su merci. In particolare, i tre, amministratore, contabile e legale rappresentante di un esercizio commerciale del Comune di Santa Marinella, approfittando dell'attuale emergenza da Covid-19 in atto, hanno pensato bene di speculare sui dispositivi di protezione individuale (mascherine del tipo ffp2) vendendoli al dettaglio ad un prezzo maggiorato del 400% circa, rispetto al normale valore di mercato. I Carabinieri della Stazione di Santa Marinella, nel corso di una mirata attività, hanno controllato il negozio di articoli sanitari e hanno accertato l'illecita condotta. Per i tre è scattata la denuncia in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria poiché ritenuti responsabili, del reato ex art. 501 bis c.p. "manovre speculative su merci".