Coronavirus: videoconferenza Caner con rappresentanti Ogd -2-

Fdm

Venezia, 20 mar. (askanews) - "E' emersa una diffusa insoddisfazione per i contenuti del decreto 'Cura Italia', nel quale sono totalmente assenti le misure per il settore turistico - aggiunge Caner - e quindi chiederemo al Governo di dedicare nei prossimi annunciati decreti maggior attenzione a un'industria trainante del nostro Paese e la prima nel Veneto: ripartire dal turismo non è una rivendicazione di settore, ma una reale prospettiva di uscita dalla crisi dell'intera economia nazionale". "Come Regione del Veneto - annuncia l'assessore - abbiamo costituito una task force composta da esponenti delle categorie più ampiamente rappresentative del turismo, da analisti ed esperti di marketing: questo gruppo ristretto si interfaccerà costantemente con tutte le componenti, alle quali chiediamo di fornire proposte e progetti per predisporre una programmazione il più possibile condivisa. Insomma, vogliamo giocare di squadra e lasciare indietro nessuno". Per quanto riguarda la fase post emergenza, quella che molti degli intervenuti hanno definito della ricostruzione, l'assessore ha rimarcato nel corso della videoconferenza l'importanza del coordinamento e l'imprescindibilità di una regia unica: "Dobbiamo scongiurare fughe in avanti di singoli enti e istituzioni, sovrapposizioni, dispersione di risorse - spiega - e in particolare sul fronte della promozione concertare una forte, diffusa e vigorosa azione univoca del Veneto a livello nazionale e internazionale, contemplando le tipicità e le peculiarità delle diverse destinazioni ma lanciando un messaggio coordinato, avvalendoci dei suggerimenti dei vari comprensori. Dobbiamo approfittare di questo momento per riorganizzare il nostro sistema, per dare un assetto più efficiente alle OGD, partendo dalla consapevolezza che affronteremo un mercato globale completamente nuovo, ricostruito dalle macerie di una crisi mondiale, e per essere competitivi dobbiamo approcciarci in modo innovativo, come Veneto e come It alia". Infine, per quanto riguarda il turismo digitale, Caner ha condiviso l'opportunità da molti sostenuta di aprire una nuova fase di confronto con le OLTA (On Line Travel Agency), per fissare regole diverse, per non delegare quasi totalmente ad altri la nostra offerta turistica, e per raggiungere quell'equilibrio che purtroppo è mancato nelle scorse settimane allo scoppio della pandemia, che ha provocato gravi danni economici a molte aziende ricettive: "Il DMS che la Regione mette gratuitamente a disposizione delle destinazioni e dei club di prodotto riconosciuti serve proprio a questo - conclude l'assessore -, non a fare concorrenza alle multinazionali dell'online ma a organizzare il territorio e a non lasciare sole le singole imprese".