Coronavirus vigili del fuoco: positivi due allievi, controlli nella caserma

coronavirus vigili del fuoco

Aumentano i casi di coronavirus a Roma: dopo il poliziotto e la famiglia contagiati e posti in isolamento, anche due allievi dei vigili del fuoco sono risultati positivi ai test. La caserma di Capannelle, quindi, è stata sottoposta a stretti controlli per evitare la diffusione del contagio. Per i due allievi, rientrati nelle loro abitazioni private, è stato disposto il controllo sanitario domiciliare.

Coronavirus vigili del fuoco

I vigili del fuoco della caserma di Capannelle, nei pressi di Roma, hanno voluto fare chiarezza sui due casi di coronavirus registrati tra gli allievi. In una nota, infatti, hanno precisato che “a seguito dell’accertamento positivo a test coronavirus di un secondo allievo vigile del fuoco dell’87esimo corso (…), sono state attivate le misure di sicurezza e di sorveglianza previste dalle attuali procedure”. Inoltre, precisano i pompieri, “il ragazzo, attualmente in buone condizioni di salute, dal 28 febbraio era sottoposto a sorveglianza sanitaria all’interno delle stesse scuole di Capannelle, in attesa di un eventuale trasferimento allo Spallanzani”.

“Il primo ragazzo – prosegue la nota -, risultato positivo al tampone effettuato nel pomeriggio di venerdì 28 febbraio dal servizio sanitario umbro, è in buona salute e asintomatico“. Si trova in sorveglianza sanitaria presso il proprio domicilio”.

Fabio Dattilo, capo del corpo nazionale, ringraziato “il personale della direzione centrale per la formazione, gli istruttori e gli allievi, per la compostezza con cui stanno affrontando la situazione”. Inoltre, ha riservato un ringraziamento speciale “anche al personale medico del Corpo e del servizio sanitario nazionale per l’abnegazione con cui stanno svolgendo il proprio compito”. Nel frattempo, infine, proseguono i controlli su tutto il personale della caserma.