Coronavirus, von der Leyen: parlato con Conte, pronti ad aiutare

Loc

Bruxelles, 10 mar. (askanews) - La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha riferito in un breve punto stampa oggi a Bruxelles di aver" parlato al telefono con il primo ministro Giuseppe Conte. "Ho espresso il mio sostegno per il popolo italiano; abbiamo concordato - ha detto von der Leyen - di tenere una videoconferenza nei prossimi giorni per discutere nel dettaglio come possiamo aiutare di più e quali ulteriori misure potrebbero aiutare l'Italia".

La situazione in Italia, ed eventuali misure aggiuntive per il Paese, insieme alla più generale situazione in Europa, sono state discusse dalla presidente della Commissione in mattinata anche con i commissari che fanno parte del 'Coronavirus response team'. "Ho chiesto di guardare a quali ulteriori strumenti possono essere mobilizzati per affrontare l'impatto complessivo che il coronavirus sta avendo sull'economia in tutta l'Europa. Molti settori stanno già soffrendo, e dovremo cercare il modo di sostenerli. Per esempio, il settore dell'aviazione civile"", ha detto ancora von der Leyen.

"L'epidemia di coronavirus - ha osservato - ha un forte impatto sull'industria dell'aviazione civile europea e internazionale. Vediamo che la situazione sta peggiorando giorno dopo giorno, e si prevede che il traffico diminuisca ulteriormente. Per questo - ha annunciato von der Leyen - la Commissione proporrà molto rapidamente una legislazione riguardante i cosiddetti 'slot' aeroportuali. Vogliamo che le compagnie aeree possano mantenere facilmente i loro 'slot' anche se non li utilizzano per i loro voli a causa della riduzione del traffico".

"Questa - ha sottolineato la presidente della Commisione - è una misura temporanea che aiuterà sia l'industria che l'ambiente. Allevierà la pressione sull'industria dell'aviazione, in particolare sulle compagnie aeree più piccole; ma ridurrà anche le emissioni causate dai cosiddetti 'voli fantasma', i voli con aerei semivuoti che le compagnie continuano a mantenere per non perdere i loro slot".

"Questo è un esempio di un settore in cui c'è bisogno del nostro aiuto, e noi siamo pronti ad agire", ha rilevato von der Leyen. (segue)