Coronavirus, WWF: legame stretto fra pandemia e perdite habitat -6-

red/Mgi

Roma, 14 mar. (askanews) - In aggiunta la realizzazione di habitat artificiali o di ambienti poveri di natura e con un'alta densità umana possono ulteriormente facilitare la diffusione di patogeni. Le periferie degradate e senza verde di tante metropoli tropicali, ad esempio, sono la culla perfetta per malattie pericolose e per la trasmissione di zoonosi, mentre la diffusione in paesi tropicali di sistemi d'irrigazione, canalizzazioni e dighe permette la riproduzione di vettori come alcune specie di zanzare.

Foreste, il nostro antivirus. I cambiamenti di uso del suolo e la distruzione di habitat naturali come le foreste sono responsabili dell'insorgenza di almeno la metà delle zoonosi emergenti. La distruzione delle foreste può quindi esporre l'uomo a nuove forme di contatto con microbi e con specie selvatiche che li ospitano. Nelle foreste incontaminate dell'Africa occidentale, ad esempio, vivono alcuni pipistrelli portatori del virus Ebola. (Segue)