Coronavirus, Xi ispezione nuovo centro emergenza a Pechino

vgp/

Roma, 10 feb. (askanews) - Il segretario generale del Partito comunista cinese

Xi Jinping, ha ispezionto questa mattina il nuovo centro di prevenzione dell'infezione da Coronavirus a Pechino.

Domenica l'epidemia di coronavirus in Cina ha ucciso 97 persone, il numero più alto di vittime in un solo giorno. Il numero totale di decessi causati dal virus nel Paese è ora a 908, ma il numero giornaliero di nuovi contagi si è stabilizzato. In tutta la Cina gli ammalati sono 40.171, le persone sotto osservazione 187.518, in 3.281 sono stati curati e dimessi. L'Oms ha inviato un team di esperti a Pechino per contribuire alle indagini sull'epidemia del nuovo virus.

Nel weekend il numero di vittime del coronavirus ha superato quello dei morti per Sars, altra epidemia originata in Cina che nel 2003 uccise 774 persone. Sabato l'Oms ha detto che il numero di nuovi contagi si sta "stabilizzando" ma è troppo presto per dire se il picco dell'epidemia è stato raggiunto.

Ieri sera è arrivata a Pechino la missione internazionale dell'organizzazione Onu incaricata di contribuire alla risposta all'epidemia, dichiarata emergena globale il 30 gennaio scorso.