Coronavirus, Xi a Wuhan: avanti per sconfiggere il virus

Mos

Roma, 10 mar. (askanews) - Il presidente cinese Xi Jinping, nella sua prima visita a Wuhan dall'inizio dell'epidemia causata dal nuovo coronavirus - che ha avuto origine proprio nella città dello Hubei - ha ribadito l'impegno a una lotta per vincere il virus. Lo riferisce l'agenzia di stampa Xinhua.

Xi ha visitato l'ospedale Huoshenshan, che è una struttura militare. Oltre a essere presidente e segretario del Partito comunista cinese, Xi Jinping è anche presidente della Cmmissione militare centrale. La struttura ha mille posti letto ed è stata costruita in dieci giorni per trattare specificamente le persone che si sono ammalate a causa di COVID-19.

Il presidente ha preso atto che, dopo un duro lavoro, la situazione a Wuhan e nello Hubei ha avuto un'evoluzione positiva con progressi importanti, ma - scrive la Xinhua - la prevenzione e il controlo della malattia rimane opera ardua.

In questo senso, Xi ha chiesto di continuare le operazioni di controllo e prevenzione.

Oggi, sempre sulla Xinhua, un editoriale ha segnalato che Pechino è "vicina alla vittoria" nella lotta contro il coronavirus. In effetti il bollettino odierno sui nuovi contagi è estremamente incoraggiante. A parte due contagi "di ritorno" (uno dalla Gran Bretagna e l'altro dalla Spagna via Hong Kong), si sono registrati solo 17 nuovi positivi, tutti esclusivamente a Wuhan. Purtroppo ci sono stati anche 17 decessi, tutti nella provincia di Hubei il cui capoluogo è Wuhan.