Coronavirus, Zaia: arrivano le mascherine made in Veneto -2-

Bnz

Venezia, 18 mar. (askanews) - Si tratta di una mascherina dall'aspetto inedito, realizzata con un "tessuto non tessuto", consistente, morbida, resistente all'umidità, a elevata capacità di barriera, facile da indossare anche per gli anziani, utilissima per la protezione delle persone (circa l'80% del totale) nell'ambito della vita quotidiana che ora, ha annunciato Zaia, sarà distribuita da Protezione Civile e Volontari in confezioni da 10 a 20 pezzi in punti particolarmente adatti a creare un'osmosi di diffusione su tutto il territorio, per esempio fuori dagli ospedali ai visitatori che vi arrivano privi di protezione, nei supermercati e nella rete commerciale ancora aperta.

La potenzialità produttiva della mascherina presentata oggi è di 500-700 mila pezzi al giorno (800 mila ne sono già state prodotte) ma, "in circa dieci giorni - ha detto Franceschi - siamo in grado di arrivare a 1,5 milioni al giorno". Franceschi ha anche annunciato che due milioni di pezzi saranno regalati alla Regione Veneto per gli usi più opportuni.

"Con questa sua straordinaria generosità, e altrettanta capacità di innovazione di processo e di prodotto - ha detto Zaia ringraziando Franceschi - Grafica Veneta entrerà nella storia. Anche di più che per essere la stampatrice dei romanzi di Harry Potter. Il suo dono di due milioni di mascherine è di vitale importanza ma, se necessario, ne prenderemo tutte quelle che serviranno, pagandole, com'è giusto che sia".

Per giungere al risultato di oggi, Grafica Veneta, nel corso della sperimentazione, ha prodotto circa 500 mila mascherine che, essendo il risultato di un work in progress, sono poi state eliminate.