Coronavirus, Zaia: isolamento fiduciario di buon senso

Fdm

Venezia, 8 feb. (askanews) - "Con questo provvedimento il ministro Speranza dimostra onestà intellettuale e correttezza, scegliendo la via della tutela della salute e del bene dei cittadini. La circolare pone uno scenario nuovo e, finalmente, si può parlare di isolamento fiduciario per quei pochi casi di studenti delle scuole dell'obbligo che arrivano da una permanenza in zone infette da Coronavirus. Ho sentito più volte il Ministro in questi giorni, a lui va riconosciuto che, come noi, sa guardare oltre gli schieramenti politici". Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta il provvedimento reso noto oggi dal Ministro della Sanità in materia di isolamento fiduciario.

"I giovani che possono arrivare da zone infette, perché dichiarate tali dall'OMS, non sono solo cittadini cinesi - prosegue il Governatore -. Possono essere anche italiani o di qualsiasi altra cittadinanza. È bene che, qualora fossero anche asintomatici, possano essere seguiti dai nostri dipartimenti di prevenzione e dai nostri servizi sanitari e, logicamente, essere agevolati verso un percorso di isolamento fiduciario per i necessari quattordici giorni. Questo per evitare contatti qualora fossero portatori del virus anche assenza di sintomi evidenti".