Coronavirus, Zaia: Ue madre di tutti ha dimenticato dei figli

Bnz

Venezia, 1 apr. (askanews) - "Usciamo da un'emergenza sanitaria con le nostre aziende distrutte e quelle tedesche tenute in piedi, diranno sono soldi de tedeschi, si ma siamo in Europa. I messaggi dei leadeer che ci dicono 'ce la farete,' non ci servono a nulla. Qui la Ue sta legittimando una rendita di posizione che sarà paurosa, impensabile dare per perse realtà come Italia, Spagna e Francia, stiamo assistendo ad un atteggiamento da parte dell'Europa inconcepibile. All'Italia servono 500 mld di euro e ho fatto anche lo sconto".

Lo ha sottolineato il presidente del Veneto, Luca Zaia nel corso del punto stampa presso la Protezione Civile a Marghera.

"L'Europa, se è la madre di tutti - ha proseguito Zaia - si è dimenticata di qualche suo figlio, tornare a alla riapertura delle imprese sapendo che c'è paese, la  Germania che stanzia 550 miliardi, più di tutti gli altri, più degli Usa che in rapporto hanno stanziato 1200 mld di dollari, impone che quando si riapriranno i mercati e le attività, l'Ue dovrà garantire a tutti alle griglia di partenza e abbiano tutti le stesse opportunità".