Coronavirus, Zaia: in Veneto è un bollettino di guerra

Fdm

Venezia, 19 mar. (askanews) - Quello del Veneto "è un bollettino di guerra. Non avrei mai pensato che ogni giorno un amministratore dovesse leggere il numero dei morti. 115 morti non sono i morti di una semplice influenza, questi cittadini se non fossero stati contagiati dal coronavirus, non sarebbero in questa lista". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nel corso della quotidiana conferenza stampa per fare il punto della situazione sull'emergenza coronavirus presso la sede della Protezione Civile a Marghera (Venezia). "Se il Governo non adotta misure più restrittive, mi vedrò costretto ad adottare ordinanze regionali" ha aggiunto Zaia.