Coronavirus: Zangrillo, seconda ondata? 'Possiamo essere fiduciosi, conosciamo nemico' (2)

Coronavirus: Zangrillo, seconda ondata? 'Possiamo essere fiduciosi, conosciamo nemico' (2)

(Adnkronos) – Zangrillo torna poi sulle sue affermazioni secondo le quali il virus clinicamente non ci sarebbe più. "Chi ha la fortuna di poter studiare i dati di 6mila pazienti -dice- ha il dovere di comunicare in modo esatto e tempestivo. È quello che ho fatto e ora mi trovo in buona e numerosa compagnia. Le considerazioni di coloro che pontificano per sentito dire infastidiscono relativamente, soprattutto perché il tempo è galantuomo e alla fine la soddisfazione di aver narrato la verità tempestivamente ci ripaga di tutte le insolenze. Parlo al plurale perché quello che affermo è il frutto del lavoro e delle osservazioni del gruppo ospedaliero con la produzione scientifica più qualificata livello nazionale".

Il primario spiega di aver "avuto paura e non me ne sono mai vergognato, ho avuto paura per me ma soprattutto per i miei infermieri e i miei collaboratori. I pazienti sono sempre stati al centro della nostra azione, abbiamo capito da subito che chi arrivava in ospedale ci veniva affidato e aveva solo noi come riferimento. Il mondo in qualche modo ci guardava perché prima di noi c’era la Cina con tutti gli interrogativi che ancora oggi non hanno tutte le risposte".

Al San Raffaele, aggiunge, "abbiamo strenuamente lottato per ogni singolo paziente cercando di assicurare il massimo in coerenza con il quadro clinico complessivo. Chi ha teorizzato la medicina da guerra per stabilire dei limiti alle cure non dovrebbe mai lavorare con me".