Coronavius, Bocci(Pd): Lombardia sostenga asili come Piemonte

Asa
·1 minuto per la lettura

Milano, 3 apr. (askanews) - "Tra le proposte che abbiamo fatto come consiglieri regionali del Pd a proposito delle misure economiche regionali da attivare con urgenza, abbiamo anche invitato Regione Lombardia a prevedere dei contributi ai gestori - amministrazioni pubbliche locali, cooperative, enti e imprese di natura privata -, pubblici e privati, delle scuole dell'infanzia e degli asili nido per far fronte sia alle richieste di riduzione, e spesso azzeramento, delle rette alle famiglie che non stanno usufruendo del servizio, sia per sostenere i costi fissi di gestione, funzionamento e ammortamento". Lo ha scritto in una nota Paola Bocci, consigliere regionale del Pd in Lombardia, anche in risposta all'assessore regionale alla Famiglia Piani. "Comuni e strutture private sono in grandi difficoltà, così come le famiglie - ribadisce Bocci -. Molti di questi servizi subiranno pesanti e negative conseguenze e ragioneranno se chiudere definitivamente, e questo perché non ce la faranno se dovranno far fronte da soli al giusto rimborso delle rette alle famiglie. E se i servizi per l'infanzia non riusciranno a riprendersi, sarà una penalizzazione per molti bambini, avrà anche conseguenze sulla vita di molte famiglie e ancora una volta sulle donne e le loro scelte lavorative". Dal punto di vista del Gruppo regionale del Pd, che appoggia la lettera dell'assessore comunale all'Educazione di Milano Laura Galimberti e ricorda che, in questo senso, c'è già un emendamento dei parlamentari democratici al decreto Cura Italia, "è anche la Regione che deve intervenire con le sue politiche per l'infanzia e i servizi di welfare, come ha fatto il Piemonte con una misura da ben 15 milioni di euro. Trovi la Giunta regionale la strada corretta per ottenere questi fondi e recuperi risorse proprie, ma faccia qualcosa il prima possibile", conclude la consigliera Pd.