Corpo carbonizzato trovato appeso a un traliccio: indagini in corso

corpo carbonizzato traliccio

Nel pomeriggio di lunedì 25 novembre un passante avrebbe trovato un corpo carbonizzato appeso a un traliccio dell’alta tensione nella zona di Bergamo. Intorno alle ore 14, infatti, sarebbe scattato l’allarme a Colere (Bergamo), in valle di Scalve. I carabinieri di Clusone (Bergamo) stanno effettuando le opportune indagini per identificare il corpo e verificare le cause della tragedia. Il personale medico 118, inoltre, è giunto sul posto con l’elisoccorso e l’ambulanza: purtroppo, però, non c’è stato nulla da fare.

Corpo carbonizzato appeso a traliccio

Sono tuttora in corso le indagini per dare un nome al corpo di un uomo carbonizzato e appeso a un traliccio dell’alta tensione. I carabinieri di Clusone non escludono alcuna pista sulla tragedia avvenuta a Colere (in provincia di Bergamo) in valle di Scalve. Secondo le prime informazioni, inoltre, l’allarme è scattato grazie alla segnalazione di un passante che nel pomeriggio di lunedì 25 novembre si trovava sul posto. Il traliccio, da quanto si apprende è sito a circa un chilometro dal centro abitato di Colere, in un’area boschiva. Inoltre, è facilmente raggiungibile attraverso un sentiero che si snoda vicino al torrente Rino.

I soccorsi

Sul luogo della tragedia, oltre ai mezzi di soccorso, sono intervenuti anche i carabinieri di Clusone, coordinati dal comandate Daniele Falcucci. L’elisoccorso e l’ambulanza non hanno potuto che constatare la morte dell’uomo. Tuttavia non è ancora stato possibile recuperare il corpo e nemmeno identificare la vittima. I soccorritori, infatti, attendo che l’alta tensione venga staccata per effettuare le operazioni. seguiranno aggiornamenti.