Corruzione: intercettata, 'arrestato ha comprato una macchina per noi'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 3 mag. (Adnkronos) – "Abbiamo comprato una macchina grazie a Carmelo, quindi voglio dire ci è andata bene…o meglio Carmelo ha comprato una macchina per noi". E' un'intercettazione riportata nell'ordinanza dell'inchiesta milanese su presunte tangenti che ha portato a 11 arresti. A parlare è la moglie di Massimo Cosimo Manco (in carcere), responsabile dell'Area servizi generali e sociali del Comune di Cornaredo nonché della Centrale unica di committenza di più comuni dell'hinterland con l'incarico di espletare gare d'appalto per forniture di beni e servizi.

L'uomo che regala l'auto da 26.800 euro sarebbe Carmelo Sparacino che, secondo l'accusa, ha l'obiettivo di favorire Fabbro Food. Il dialogo – risalente allo scorso maggio – è solo uno dei numerosi messaggi da cui "emerge con evidenza" la familiarità tra Manco e Sparacino, o meglio, scrive il gip Tiziana Gueli, "la circostanza che quest'ultimo elargisce al primo, con cadenza periodica, prebende di varia natura finalizzata ad ottenere i 'favori' ed una incondizionata disponibilità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli