**Corruzione: legale Montante, 'vuole vuotare il sacco per ristabilirà la verità, dado è tratto'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 16 apr. (Adnkronos) – "Esco dall’udienza dinanzi alla Corte d’appello di Caltanissetta. Antonello Montante ha chiesto di poter vuotare il sacco e di essere sottoposto all’interrogatorio del procuratore generale, delle parti civili e dei suoi difensori. Intende ristabilire la verità e l’onestà di dodici anni della sua vita impegnata nel combattere la mafia imprenditoriale in ambito locale e nazionale, anche al fine di indicare i comportamenti della magistratura e delle istituzioni che lo hanno sollecitato e sostenuto nella nella meritoria opera anticriminale compiuta all’insegna di Confindustria Nazionale di cui era il delegato per la legalità". Lo dice l'avvocato Carlo Taormina che con l'avvocato Giuseppe Panepinto difende l'ex presidente degli industriali Antonello Montante, condannato in primo grado a 14 anni di carcere per corruzione, ora imputato nel processo d'appello.

"Montante, che nel processo di primo grado non ha mai reso dichiarazioni per le sue condizioni di salute, ha ritenuto che la Corte Nissena che deve giudicarlo sia da ritenere affidabile ed imparziale e che questa sia la sede giusta per mettere fine al massacro al quale continua ad essere sottoposto e che merita la dovuta risposta – dice Taormina – La Corte ha accolto la richiesta e sono state fissate tre prime udienze nel corso della quali Montante chiarirà la sua posizione e quella di magistratura e istituzioni continuamente chiamate in causa come protagoniste del così detto Sistema Montante. Il dado è tratto. Primo appuntamento all’udienza dell’11 giugno 2021 e a seguire".