Corruzione: Montante, 'Lombardo mi voleva assessore ma declinai e gli indicai Venturi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Caltanissetta, 26 giu. (Adnkronos) – "Nel 2009 l'allora Presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo mi chiese di diventare assessore regionale della sua Giunta perché cercava visibilità e io in quel periodo ne avevo molta. Ero vicepresidente vicario di Ivan Lo Bello, e mi ero occupato di tante attività. Quando gli dissi di no, lui il 23 maggio 2009 lo chiese anche Emma Marcegaglia ma lei gli disse: 'Non è possibile'. Dopo qualche giorno gli dissi che avevo un nome di Confindustria che avrebbe potuto svolgere questo ruolo: Marco Venturi". A dirlo in aula, proseguendo l'interrogatorio nel processo d'appello che lo vede imputato per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, è Antonello Montante nell'udienza dell'11 giugno scorso. Il contenuto della sua deposizione, a porte chiuse, è adesso in possesso dell'Adnkronos.

"Io dissi a Lombardo: 'Ti posso segnalare una persona che si chiama Marco Venturi' – dice ancora Montante – e il Governatore mi disse anche che voleva nominare assessore il magistrato Caterina Chinnici e l'ex prefetto Giosuè Marino. All'indomani io chiamai Venturi e gli chiesi di vederci. Non gli dispiaceva l'idea, e mi disse di sì. Quel giorno venne anche Caterina Chinnici in hotel, a Villa Igiea, ci siamo messi nel balconcino della mia stanza e parlammo. Così Venturi diventò assessore".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli