Corruzione su fornitura acqua, arrestato il sindaco di Favignana

·1 minuto per la lettura

Palermo, 17 lug. (askanews) - Il sindaco di Favignana Giuseppe Pagoto stato arrestato stamani dalla Guardia di finanza di Trapani nell'ambito di un'inchiesta della Procura sulla gestione del Comune e del sistema di approvvigionamento idrico. Undici complessivamente le misure cautelari notificate dai militari. Ai domiciliari, oltre al sindaco, anche il comandante della polizia municipale Filippo Oliveri e l'ex vicesindaco Vincenzo Bevilacqua, oltre che Antonia Vittozzi, dipendente di una compagnia di navigazione con sede a a Napoli. Complessivamente sono 24 gli indagati dai pm trapanesi. Oltre ai quattro arrestati, tre persone sono state sottoposte al divieto di dimora, una all'obbligo di dimora e tre sono stati interdetti dall'esercizio di un pubblico ufficio. I finanzieri hanno "accertato un accordo corruttivo" tra Pagoto, il vice sindaco pro tempore e un assessore del comune di Favignana con i responsabili e i dipendenti di due societ che avevano ottenuto dal ministero della Difesa la gestione della fornitura di acqua potabile, attraverso navi cisterna, nelle isole minori. Quantificato un danno erariale per circa 2 milioni di euro. (segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli