Corsa alle azioni di Kuaishou, rivale di TikTok

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 gen. (askanews) - Le banche che stanno gestendo la collocazione in borsa del servizio di livestreaming Kuaishou, il concorrente in Cina di TikTok, hanno dovuto accorciare di due giorni la prenotazione delle azioni, in quanto la forte richiesta le ha già fatte esaurire. Lo riferisce oggi il South China Morning Post.

Kuaishou si collocherà nella borsa di Hong Kong. La prenotazioni su una porzione del 2,5 per cento dell'offerta globale sarebbero dovute terminare venerdì.

L'IPO in totale dovrebbe valere tra 4,9 e 5,4 miliardi di dollari, anche se le banche potrebbero esercitare l'opzione di over allotment, in base alla quale è possibile assegnare più azioni diquante siano oggetto dell'offerta al fine di stabilizzarne il prezzo, e questo farebbe salire l'offerta a oltre 6 miliardi di dollari.

La collocazione in borsa di Kuaishou è considerata essere la più ricca dopo quella di Alibaba Group Holding del novembre 2019, che è stata di 13 iliardi di dollari.

A favorire questa corsa all'investimento è anche il fatto che le banche centrali di tutto il mondo mantengono tassi d'interesse molto bassi per rilanciare la crescita, duramente colpita dalla crisi pandemica, e quindi è più probabile trovare rendimenti alti.

Dietro Kuaishou c'è il gigante di internet cinese Tencent, che nei primi nove mesi dello scorso anno ha registrato perdite operative per 1,4 miliardi dollari.

La piattaforma di livestreaming ha ogni giorno qualcosa come 262 milioni di visitatori, che trascorrono davanti allo schermo una media di 86 minuti al giorno. Recentemente c'è stato un inasprimento della regolamentazione di questi servizi, in particolare rispetto alla fruizione da parte degli utenti minorenni.

La collocazione in borsa di Kuaishou viene in un momento di profonda incertezza per la piazza hongkonghese, dopo che Pechino ha bloccato all'ultimo minuto la collocazione-monstre di Ant Group, l'azienda di pagamenti virtuali di Alibaba, un'operazione da oltre 35 miliardi di dollari.