Corte è andato a farsi prendere in giro dall'Ue, dice Salvini

·1 minuto per la lettura

"Conte a Bruxelles lo stanno prendendo in giro, perché se qualcuno pensa che dall'Europa arrivi una lira si sbaglia". Lo ha detto Matteo Salvini a Gallipoli (Lecce), ex bacino elettorale di Massimo D'Alema, dove il leader della Lega ha concluso una giornata densa di impegni elettorali in diversi luoghi del Salento. Davanti a diverse centinaia di persone, prima di inaugurare la sede locale della Lega, Salvini ha toccato i temi dell'immigrazione, del fisco, del lavoro, della tutela dei prodotti italiani.

"L'Italia deve contare su sé stessa, sui propri lavoratori. La pace fiscale è una delle nostre priorità insieme ad Equitalia che sarà azzerata", ha insistito ancora Salvini, mentre a poche decine di metri il movimento delle Sardine, insieme ad altre associazioni locali, intonava Bella Ciao.

Rivolgendosi ai contestatori, che sventolavano bandiere rosse con il simbolo della falce e martello, il numero uno della Lega ha affermato: "Tenetevi D'Alema, non prepariamo il futuro". E ancora: "Polizia e Carabinieri, in questo momento, preferirebbero arrestare i delinquenti anziché tenere a bada un gruppo di figli di papa'".