Corte Ue sostiene definizione più ampia di impianti di manipolazione veicoli

·1 minuto per la lettura
Bandiere dell'Unione europea davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles, Belgi

BRUXELLES (Reuters) - Le tecnologie utilizzate da Volkswagen per falsare i test sulle emissioni di Co2 delle proprie vetture dovrebbero essere considerate illegali, anche se contribuiscono a prevenire il deterioramento o l'ingolfamento del motore.

È quanto è emerso dalla sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea.

Alla corte è stato chiesto di esprimersi nell'ambito di un'istruttoria francese contro il gruppo automobilistico, per aver presumibilmente ingannato gli acquirenti di veicoli diesel.

Volkswagen si è detta in favore di un'interpretazione restrittiva, limitando la portata di un impianto di manipolazione per tecnologie e strategie operanti solo "downstream" - in riferimento alle emissioni dopo la produzione dei gas.

Tuttavia, la corte ha decretato che il termine dovrebbe essere applicato anche a tecnologie "upstream".

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)