Corteo contro lavoro precario e sfruttamento: 2 denunce a Milano

Alp

Milano, 23 dic. (askanews) - Gli agenti della Digos hanno denunciato a piede libero per imbrattamento e per manifestazione non preavvisata un 56enne e 21enne, rispettivamente militanti della "Camera del Non Lavoro" e del collettivo studentesco Rete Studenti Milano. Lo ha riferito la questura del capoluogo lombardo, spiegando che i due sono stati identificati ieri durante un corteo non autorizzato organizzato intorno alle 19 dalle due sigle politiche in via Torino a Milano, in solidarietà ai lavoratori precari e per denunciare lo "sfruttamento giovanile nell'alternanza scuola/lavoro".

La polizia ha spiegato che gli antagonisti "hanno imbrattato con della vernice rosa e nera il manto stradale di via Torino, dinanzi agli esercizi commerciali Nike, Zara, H&M e McDonald's", mentre nei pressi dell'albero di Natale posto in piazza Duomo, hanno imbrattato alcune lettere della parola Esselunga. Sulle vetrine di alcuni negozi, i manifestanti hanno anche affisso un volantino con lo slogan "Qui sfruttano i lavoratori - #azione precaria".

Secondo quanto si legge sulle pagine social della "Camera del non lavoro", quello di ieri è stato il "secondo tour contro lo sfruttamento (il primo fu il 6 dicembre in corso Buenos Aires, ndr), in una via simbolo dello shopping e 'palco scenico' delle più grandi multinazionali: abbiamo denunciato a gran voce il tentativo di Nike di introdursi nelle scuole e di utilizzarle per accumulare profitto, la fast fashion e la strage silenziosa dei morti sul lavoro".

Per la Digos, i due indagati sarebbero stati a capo della manifestazione a cui "hanno partecipato una trentina soggetti, tutti milanesi", e "sono in corso ulteriori accertamenti al fine di risalire all'identità degli altri autori delle condotte penalmente rilevanti".