Corteo negazionista contro coprifuoco a Milano: 80 denunciati

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 apr. (askanews) - La questura di Milano multerà e denuncerà una ottantina di negazionisti che ieri sera hanno dato vita ad una manifestazione non preavvisata che tra le 21.15 e alle 23.15 ha attraversato il centro della città. I dimostranti, aderenti a diverse sigle che in questi mesi hanno promosso la disobbedienza alle prescrizioni per limitare il diffondersi del Covid, si erano dati appuntamento via Facebook per una fiaccolata che sarebbe partita da piazza del Duomo.

Secondo quanto riferito dalla questura, appena si sono ritrovati nel centro della piazza, la polizia li ha immediatamente identificati avvertendoli che l'iniziativa non si sarebbe potuta svolgere per le norme anti-covid ma i dimostranti, molti dei quali senza mascherina, hanno iniziato a muoversi verso corso Vittorio Emanuele dove sono stati bloccati dagli agenti in assetto antisommossa. Il piccolo corteo ha quindi fatto marcia indietro e si è diretto al grido di "libertà libertà" e accendendo dei fumogeni, verso via Mercanti seguito dagli agenti della Digos, percorrendo poi via Dante, Foro Bonaparte e via Cusani dove sono stati nuovamente bloccati da uno schieramento di forze dell'ordine. Sono quindi rientrati in piazza Cairoli dove sono rimasti dopo aver tentato invano di ritornare in piazza Duomo. Qui la manifestazione si è poi sciolta.

I presenti, sempre secondo quanto spiegato, sono stati tutti identificati e saranno ora sanzionati amministrativamente per il mancato rispetto delle norme contro il Covid (mancato uso delle mascherine, assembramento e violazione del coprifuoco) e saranno indagati per manifestazione non preavvisata.

Nel pomeriggio di ieri, la polizia era invece intervenuta al parco di via Cilea a Cinisello Balsamo, alle porte di Milano, dove aveva identificato una cinquantina di persone che non indossavano la mascherina mentre stavano partecipando ad una iniziativa contro "la dittatura sanitaria" e "l'obbligatorietà vaccinale". Le persone identificate saranno poi sanzionate. Sempre secondo quanto riferito dalla polizia, alla manifestazione hanno partecipato complessivamente circa 120 persone.