A Cortina già si scia, a Venezia acqua a un metro e 40. Chiuse le scuole a Matera

HuffPost

 

Da nord a sud: l’Italia nella morsa del maltempo. A Venezia alta marea: alle 8 il livello era già sopra un metro. Il picco oltre i 120 centimetri è atteso per le 10.30. Durante la notte una tromba d’aria ha colpito il Metapontino, la zona jonica lucana, in provincia di Matera. A Roma l’allerta resta alta, mentre al Sud si sono registrati disagi in Puglia (ad Altamura uno scuolabus ha rischiato di ribaltarsi) e in Sicilia, dove un tratto di statale 113 è stato chiuso per la presenza di massi sulla strada.

Sulle Dolomiti è pieno inverno - È già pieno inverno sulle Dolomiti e sulle altre montagne dell’Alto Adige. Alla neve caduta la scorsa settimana, stanotte se ne è aggiunta altra: 5 cm ad Obergeggen, 15 cm a Pennes e 20 cm a Ladurns sopra Fleres. La prossima notte la neve potrebbe scendere fino al fondovalle.
Questa settimana - annuncia il meteorologo provinciale Dieter Peterlin - “arriverà molta altra neve”. In vista dell’avvio ufficiale della stagione sciistica del consorzio Dolomiti Superski, in programma il 30 novembre, alcuni singoli impianti anticipano l’apertura, soprattutto per consentire gli allenamenti degli sci club. A Cortina si scia già sulla pista Col Gallina, entro il fine settimana seguiranno gli impianti di Monte Croce e la seggiovia Alloch a Pozza di Fassa.

Venezia: acqua oltre i 120 centimetri - L’alta marea ha già raggiunto alle
ore 8 il livello di un metro sopra il medio mare, nel giorno che dovrebbe vedere una punta di acqua alta eccezionale, un metro e 40, a metà mattinata. Lo si apprende dal Centro maree del Comune di Venezia. In mare aperto la piattaforma del Cnr segna già 120 centimetri. Una situazione causata da minimo depressionario sull’Adriatico settentrionale a cui si aggiunge il vento di scirocco. In città c’è allerta, e per oggi e domani sono stati chiusi gli asili nido e le scuole dell’infanzia. 

 

Chiuse le scuole a Matera - Una tromba d’aria ha colpito la notte scorsa il Metapontino, la...

Continua a leggere su HuffPost